Torino, la piccola Parigi

Torino (Turìn nel dialetto piemontese) è stata la capitale del regno dei Savoia e spesso viene descritta come la piccola Parigi d’Italia per le sue vie, le sue piazze e i suoi caffè storici.

La nostra visita inizia con quella che potremmo chiamare “la passeggiata regale”

…18 km di portici, parte dei quali voluti proprio dal sovrano Vittorio Emanuele di Savoia per rendere le sue passeggiate più liete in caso di pioggia!
Il percorso inizia dalla stazione di Porta Nuova (raggiungibile in tram, bus, metro o auto con parcheggio sotterraneo in P.zza Carlo Felice) e prosegue su Via Roma (sede dei negozi di moda più fashion e delle principali catene low cost).

porta-nuova

La prima piazza che si incontra lungo il tragitto è P.zza CLN, a fare da padrone due fontane, il Po e la Dora, che rappresentano i due fiumi della città sabauda.

004

NOTA per i cinefili incalliti: è la piazza dove sono state girate alcune celebri scene del film “Profondo Rosso” di Dario Argento!

sancarlopzza

Si prosegue sotto i portici e si giunge in Piazza San Carlo con le sue chiese gemelle ed i suoi splendidi caffè. Tra tappezzerie dal sapore antico, specchi dorati, piatti in porcellana, boiserie e bottiglie colorate, potete gustare al loro interno tutte le specialità torinesi (il gianduiotto per dirne una) o un buon caffè… si consiglia pertanto di sostare almeno in uno dei due locali qui presenti per respirare la Storia stando seduti al tavolino di un caffè!

caffe-torino-or

Caffè Torino : di fronte all’ingresso, abbassate lo sguardo e vedrete sulla pavimentazione un toro dorato. Bene, ora non potete sottrarvi ad un’attività che, almeno una volta nella vita, ogni torinese ha, con discrezione, praticato: calpestate i genitali del povero animale(in piemontese “pistè le bale del tor”)! Sembra porti fortuna !

Secondo caffè storico che si affaccia sulla piazza è Caffè San Carlo.. non è escluso che persino il conte di Cavour vi si recasse, di tanto in tanto, per un bicchiere di Vermouth! L’interno è uno spettacolo, sembra davvero di essere in un caffè di Paris!

Dopo il caffè proseguite sotto i portici e giungerete in Galleria  San Federico, che è stata fugacemente popolata da Topolini in varie versioni (mostra “Topolino e l’Italia”  misteriosamente scomparsa nell’arco di una notte!). Qui trovate Fiorfood  (concept store di Coop) che merita davvero una visita, una sorta di  market nel quale puoi acquistare cibo, mangiarlo e leggere un buon libro, un po’alla Starbucks come idea…

Proseguendo sempre sotto i portici di via Roma arriverete in Piazza Castello sulla quale si affacciano Palazzo Reale e Palazzo Madama. Entriamo adesso a Palazzo Madama che racchiude oltre duemila anni di storia! Metà castello, metà barocco (la facciata è di Juvarra), cambierà nome (quello odierno) dopo essere diventato residenza delle due Madame Reali. Il palazzo offre due tipi di visite: la mostra temporanea e la visita al palazzo. Consiglio una tappa alla splendida caffetteria, un piccolo gioiello nel quale assaporare una tazza fumante di cioccolata calda o un caffè nero bollente.

007

Se volete ammirare Torino dall’alto potete salire sulla torre panoramica, merita davvero . E, infine, il Giardino del Principe: circondato dalle mura del castello c’è questo giardino segreto nel quale troverete romantici gazebo, casette per gli uccelli, resti di capitelli e colonne  abbandonati, e poi un piccolo orto nel quale potreste adoperarvi a regali giardinieri! Per maggiori info qui

Nota per i cinefili (parte seconda): sapete che a Palazzo Madama, forse ,è passato Indiana Jones? Avete presente il film “Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo”? Ebbene, oltre al teschio di cristallo conservato al British Museum a Londra, anche a Torino potrete ammirare un piccolo teschio di quarzo… anche se, molto petit! Si trova in una teca nella Torre dei Tesori (piano seminterrato). Buona caccia al tesoro!

Se dopo la passeggiata aveste unfullsizerender-2 po’ di sete non vi preoccupate, incontrerete un po’ ovunque (vie, piazze..) un TORET!
Trattasi della tipica fontanella torinese verde con la testa di toro. Esiste anche un’associazione, “i love toret”, che offre la possibilità di adottare una delle fontanelle in modo da preservare questa vera e propria istituzione. Ci sono, inoltre, gadget di ogni tipo (la tazza la mia preferita!)Iniziativa curiosa e carina. Per maggiori info qui . Da Piazza Castello attraverso i portici potrete ancora fare un tuffo indietro nel tempo nel cuore di Torino andando alla Galleria Subalpina.

subalpina

All’interno numerosi negozi di antiquari, un vecchio cinema ed un altro caffè storico! Vi sorprenderà scoprire uno spazio così intriso di passato e romantica nostalgia! Un posticino d’altri tempi, un po’ alla Hugo Cabret!

Per concludere il pomeriggio torinese perché non fare un aperitivo davvero particolare? Allora perché non l’Aperitram? Aperitivo sul tram storico ammirando una Torino che con il calar del sole si fa sempre più…magica! Ovviamente previa prenotazione! ( Aperitivo della durata di circa 60 minuti e costo 18euro.) Per maggiori info qui .

Torino vi aspetta per una passeggiata tra le vie del Re!

Da Torino

turin-alta

 

 

 

 

 

 

Valentina Mancin

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

6 commenti

    • Non conosco l’esistenza del toro milanese!!!Qui a Torino si usa così da non so quanto tempo,ma,in realtà,non so da dove abbia origine tale usanza!!!Probabilmente è un segno scaramantico in ogni città provvista di toro calpestabile!!!😂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...