Cit Turin,Liberty e Arte Moderna

Torino è la capitale italiana del Liberty,  e molti di questi edifici sono visibili soprattutto in un quartiere chiamato Cit Turin, a sottolineare le sue caratteristiche mignon  (cit in piemontese significa appunto piccolo), raggiungibile con la metropolitana alla fermata Principi D’Acaja .

liberti-talia2

Il nostro percorso non può che iniziare proprio da uno dei capolavori dello stile Liberty italiano: Casa Fenoglio-Lafleur, sembra uscita da un libro delle fiabe, con i suoi colori  pastello, ve ne innamorerete fin da subito !!!

Proseguendo la passeggiata su Via Principi D’Acaja svoltate in Via Duchessa Jolanda e raggiungete Piazza Benefica: il cuore pulsante del quartiere con il suo mercato “delle firme”, difficile resistere all’acquisto di qualche indispensabile capo di stagione !!!

1mercato

Questo quartiere brulica di locali,  negozietti,  piccoli bar sfiziosi… e, se doveste capitare proprio per colazione, vi consigliamo due posticini davvero accoglienti :

Al civico 13 in via Duchessa Jolanda trovate “Il ritrovo dei sapori”,  un locale intimo, dove gustare un muffin al pistacchio o alla crema e scorza d’arancia e sorseggiare una fumante tazza di cappuccino.

Al civico 37 in Via Principi D’Acaja, celato da un portone, c’è “Le Papille”, un altro posticino meraviglioso: al suo interno un giardino segreto con edera rampicante. Qui regna la cura per ogni dettaglio: tra pancakes favolosi, torte di ogni genere o un semplice e tradizionale panino burro e marmellata, non rimarrete delusi da questa golosa colazione.

La vera bellezza di questo quartiere però consiste nell’ abbandonarsi ad una passeggiata tra le sue vie,  perché ad ogni angolo spunta un palazzo Liberty che ti toglie il fiato!

Curiosità: se camminando ogni tanto abbasserete lo sguardo potrete trovare, disseminate un po’ ovunque a Torino in realtà, delle piccole  piastre di ottone. Tali piastre sono collocate davanti alle ultime abitazioni delle vittime di deportazioni e recano il loro nome.

Per concludere in bellezza la gita in questo quartiere così unico, tappa obbligatoria è la Casa dei Draghi o della Vittoria, sulla quale aleggia una maledizione alla Tutankhamon: sembra, infatti, che sia il costruttore sia chi ne completò la costruzione morirono suicidi. Grazie al suo aspetto lugubre e alla fama che la precede sarebbe ideale come set per un film horror.

diavoli

La nostra passeggiata prosegue all’insegna dell’arte con tappa alla GAM (Galleria d’arte moderna ) al civico 31 di Via Magenta.

gam

Al suo interno opere dell’ Ottocento e del Novecento tra  Modigliani, Picasso, De Chirico, Andy Warhol, Canova, Balla, per dirne alcuni. Inoltre ci sono le mostre temporanee come quella dell’artista Carol Rama, con le sue opere anticonformiste e trasgressive, e La Torino del giovane Balla dove l’intento dell’esposizione è raccontare il legame del pittore con la città sabauda. Entrambe esposte sino a Febbraio. Per maggiori info

 E se la visita vi mettesse un certo languorino, oltre alla caffetteria adiacente la galleria, potrete recarvi in uno storico caffè a due passi dalla GAM: Platti, al civico  72 di Corso Vittorio, dove si può davvero assaporare la storia stando seduti al tavolino di un caffè .

Da Torino, Valentina Mancin

me

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...